Inquadra il QR Code con l'apposita APP

Apri da mobile

Raggiungi facilmente la località con il navigatore
Chiudi

Pinacoteca al Chiaro di Luna

Incontri e Conferenze
Venerdì 25/09/2020
Città di Castello (PG)
Apertura serale di Palazzo Vitelli alla Cannoniera, uno dei palazzi che la famiglia Vitelli fece costruire a Città di Castello, fu voluto da Paola dei Rossi di San Secondo di Parma insieme con il marito Alessandro Vitelli, condottiero al servizio dei Medici, "affinché non perisse la memoria del loro nome e del loro valore" in città. Fu edificato nel centro storico tra il 1521 e il 1532 da Antonio da Sangallo il Giovane e da Pier Francesco da Viterbo. Il termine "cannoniera" si riferisce al luogo in cui sorse il palazzo, e cioè vicino ad un deposito di cannoni.
00d961eb Contenuto di 6e72f3a0 UmbriaEventi e5782482
761982ab Contenuto di a5be43d8 UmbriaEventi d609a5e6La facciata principale è decorata a graffito su disegno di Giorgio Vasari. Il giardino intorno al palazzo nel XVI secolo era famoso in tutta Europa per la raccolta di piante esotiche. Tra i proprietari che si susseguirono nel tempo ci fu l'antiquario Elia Volpi, restauratore, che contribuì a riportare il palazzo all'antico splendore.
609c1ee6 Contenuto di 41037db3 UmbriaEventi efc6bd10
f797dbb9 Contenuto di 046c7c06 UmbriaEventi 2d29869dNel 1912 l'ultimo proprietario lo donò alla città per farne la sede della pinacoteca Comunale.
107fc068 Contenuto di 98cee900 UmbriaEventi 1b04046aQuesta, ricca di capolavori, è impreziosita dagli affreschi interni di Cristofano Gherardi, detto il Doceno, e di Cola dell'Amatrice sin dallo scalone, in cui si trovano figurazioni a carattere mitologico e allegorico. Nel salone di rappresentanza sono raffigurate le imprese di Annibale, Scipione, Cesare e Alessandro Magno, volute da Alessandro Vitelli, condottiero, per sottolineare le sue doti militari.
7519d5d4 Contenuto di fba9cc7d UmbriaEventi 95fcd4a0
0d742add Contenuto di af6dd324 UmbriaEventi 451f92fdTra le opere conservate in pinacoteca la più antica è la grande pala, dei primi del XIV secolo, raffigurante  la Madonna con il Bambino e angeli del Maestro di Città di Castello, sensibile pittore senese seguace di Duccio di Buoninsegna. Da menzionare anche le opere di Luca Signorelli, Raffaello, Ghirlandaio, Antonio Vivarini, Giusto di Gand, Raffaellino del Colle e Pomarancio che contribuiscono a rendere la raccolta tra le più belle dell'Umbria. Il mobilio esposto proviene prevalentemente da chiese e conventi locali.
1cac7ad7 Contenuto di 4f41e388 UmbriaEventi 87848d84
2b073f75 Contenuto di 09a791f8 UmbriaEventi 7849919eCon biglietto ridotto di € 4,00 a persona e visita guidata alle 21:15
f3fefc58 Contenuto di e74fb0c9 UmbriaEventi 66dabb20
2af7ec69 Contenuto di 5ea27805 UmbriaEventi 14addbb3Prenotazione obbligatoria
fb3a69d6 Contenuto di da58d600 UmbriaEventi 500e5112
6e70caf7 Contenuto di 9a749587 UmbriaEventi 6ecd3806PoliedroCultura  0758554202  -  0758520656  cultura@ilpoliedro.org  926fa73a Contenuto di a0f686ab UmbriaEventi aaec17ce